Comunicato stampa di Gabriele Zanni

zanni4Apprendo che Alessandro Sala mi avrebbe querelato per diffamazione, il che da una parte è grottesco, perché la mole di fango gettata sulla mia persona proprio dall'ex Sindaco è sotto gli occhi di tutti e sicuramente troverà adeguata compensazione nelle opportune sedi giudiziarie non essendo ormai tollerabile il metodo intimidatorio con cui Sala ha inteso sin dall'inizio affrontare questa campagna elettorale. Tale metodo non sortisce e non sortirà però gli effetti da lui desiderati, rimanendo io assolutamente sereno e convinto della bontà del progetto proposto ai cittadini.

In ogni caso un comportamento tanto scomposto, accompagnato da affermazioni di una volgarità che non meritano alcun commento, altro non sono che il sintomo di un'evidente difficoltà, se non di totale disperazione per una competizione che vede forse sfuggirgli di mano.
Sulla questione del buco di bilancio ribadisco quanto già affermato in precedenza e cioé che in una riunione due giorni prima delle elezioni alla presenza di 4 candidati sindaci, Sala ovviamente assente, ci era fatto presente dai funzionari del Comune e dalla Commissaria Prefettizia, che vi era una discrepanza tra i calcoli del gettito Imu elaborati dal Comune e quelli del Ministero, che comportava uno scostamento rispetto al bilancio previsionale nella misura di 2,3 milioni di euro. Rilevo solamente che in più di un'occasione l'ex Sindaco aveva affermato che il bilancio previsionale approvato dalla Commissaria era quello da lui redatto. Contrariamente a quanto dice Sala poi solo una parte residuale dell'importo in esame può o potrà essere contestata. In ogni caso il punto nodale che Sala tenta di sviare e che ha originato la querelle è che in un simile contesto è irresponsabile promettere di ridurre o azzerare imposte ad alcune categorie di persone senza dire dove andrà invece a reperire gli oltre due milioni di euro per far tornare i conti. Questo e' un comportamento poco serio e puramente demagogico. Faccio ancora presente che la riduzione del debito del Comune millantata da Sala nella misura di € 7mln, per 5 mln è il normale ammortamento dei mutui già previsto nell'apposita tabella, mentre quanto all'estinzione anticipata di mutui per 2 mln di Euro ciò ha comportato per il Comune il pagamento di penali per oltre 200 mila €, che ci è stato riferito verranno recuperate, ma allo stato questa evidenza non c'è. Tra l'altro i mutui contratti sono stati praticamente tutti voluti dalla Lega e da Forza Italia di cui Sala era coordinatore ad esempio per edificare strutture come il Palatenda. Lascio ai cittadini decidere chi mente.

Utilizzando questo sito, accetti l'impostazione di cookie - da parte nostra e dei servizi collegati - per personalizzare i contenuti che ti vengono presentati, come meglio descritto nella nostra Policy per l’uso dei Cookie.